Damiano è un simpatico freestyler di Castel Franco Veneto. Mi ricordo ancora il giorno in cui ci conoscemmo, era il lunedì dopo FPAW 2004.
Ero sulla spiaggia di Rimini, come tanti altri freestyler, tutti desiderosi di giocare ancora un giorno tutti insieme. Mi ricordo in particolare fra gli altri Lori Daniels, Pipo, Jan, Dave L., Arthur. Un lungo giorno di indimenticabili jam.
Damiano allora non giocava a freestyle, faceva lanci e prese, e ora non ricordo bene se fosse a Rimini per vacanze o se fosse venuto appositamente per i mondiali di frisbee. Mi ricordo che mi venne incontro timidamente, ancora oggi mi chiedo perchè fra tutti i campioni che c’erano scelse proprio me, “forse eri il più mille”, potrebbe dire qualcuno. Mi chiese alcune cose sul freestyle, giocammo un pochino assieme, facemmo un po di chiacchiere, anche con Greta, la sua ragazza.
Poi lo mollai dicendo “scusami, ma devo andare a jammare con Pipo”. Brutale? Forse sì, ma onesto!
Da quel giorno Damiano iniziò a giocare a freestyle, con molta passione…..
Ultimamente però, per via di lavoro e altri impegni, gioca molto raramente, ed è per questo che non partecipa più a tornei. Ogni tanto però ci incontriamo nel weekend, per passare qualche ora assieme, ma soprattutto per giocare :).
L’ultima visita l’ha fatta lui, due weekend fa, nonostante dovesse essere sabato per cena a CastelFranco. E’ arrivato venerdì sera, sulle 20 in stazione a Forlì. Dopo averlo sfamato con una tipica cena romagnola (preparata da mia mamma) siamo andati a fare un giretto all’allenamento di ultimate 45Giri. Lì dopo 5 minuti di resistenza, abbiamo iniziato a jammare come pazzi, mentre Rickyboy si divideva equamente fra ultimate e freestyle.
Finito l’allenamento di ultimate, siamo andati per una birretta.. e lì ho scoperto il diabolico piano di Damiano, che già  a mezzanotte parlava di andare a letto a riposare. Dato che sabato sarebbe dovuto partire alle 16.30 con un treno da Rimini, la sua intenzione era di iniziare a giocare sulle 9.00.
Ho provato a trattare sull’orario, ma Damiano non mollava.
Rickyboy accetta un appuntamento alle 9.00 per incontrarci.
Ebbene sì, è andata davvero così: ritrovo ore 9.30 (bisogna sempre fare aspettare un po Ricky), arrivo a Pantegana Beach ore 10, inizio jam immediato. Piccola pausa pranzo alle 12.30, trasferimento da Pantegana a Rimini, e alle 13.30 Damiano era già  pronto per ricominciare. No stop jam fino alle 16.30 quando lo abbiamo accompagnato in stazione.
Questo è quello che accade ai freestyler in cattività ! :)
La lunga ed estenuante giornata ha avuto alti e bassi, ma tutti ricorderemo la mezz’ora di stupenda jam fluida che abbiamo giocato poco dopo pranzo. Era da diverso tempo che non mi capitava una bella jam come quella. Dove non vedi prese megagalaticche, ma dove una semplice presa ti entusiasma, perchè era nel flusso di gioco. Passaggini, hoops, tocchettini la vera base del moobop è questa.
Cose semplici…. come dice Damiano.
A presto Dambas!